30 August 2010

Primitivo chic

Oggi vi racconto di come una stilista di origine scozzese ha trasformato un austero palazzetto vittoriano di quattro piani situato a Londra, pieno di stanzini e angusti corridoi, in una villa di spirito contemporaneo dove, miscelando antico e moderno, indiano e balinese, africano e old scottish, è riuscita a creare un ambiente a metà strada tra il castello e la fattoria dall'aria primitivo-chic.

All'inizio la casa aveva un aspetto sinistro, ma alla stilista è bastato un'occhiata al giardino, lasciato incolto per oltre 50 anni , per cogliere quello che si nascondeva dietro le erbacce e le ortiche: scoiattoli, conigli e gazze. Così si decise di recuperare la maestosa struttura vittoriana, aprendo alcune porte in vetro e mattoni per lasciare entrare più luce. Degli interni originali sono state mantenute soltanto alcuni assi del pavimento, le porte e le scale a chiocciola.

Utilizzando materiali e tessuti naturali, pietra York e diversi tipi d legno di quercia, è stato possibile dare all'ambiente il calore di cui aveva bisogno. L'intera casa è piena di elementi etnici. L'ultima passione della proprietaria sono le sedie etiopi, raggruppate su un tappeto di pelo di cammello proveniente dall'Afghanistan.

I pezzi etnici in legno di armonizzano alla perfezione con i mobili inglesi, di norma utilizzati per essere in altro modo, per esempio le panche di una chiesa sono diventate sedie. Nonostante l'aspetto sia prettamente rustico, non mancano certo pezzi più funzionali e high tech: cucina con fornelli e frigorifero di tipo industriale; giganteschi box doccia; apparecchi elettronici vari...

La sala da pranzo in stile rustico.

Un dettaglio della cucina.

Un altro angolo della cucina.

La vasca da bagno in ghisa.

Cassettiera per camicie.

Il giardino è stato rimodernato aggiungendo un nuovo stagno e una simpatica famigliola di anatre. Sono stati piantati papaveri, gigli e un giardinetto di flora esotica. L'impressione è quella di un oasi di pace e tranquillità.
Nel restro del giardino giace un altro degli eccentrici pezzi raccolti dalla stilista: un carrozzone da circo vittoriano in mogano, con l'attacco per sei cavalli, che oggi funge da spazio alternativo per i visitatori bohemien.

2 comments:

  1. Geniale!! Per quel carrozzone da circo farei follie.
    Grazie anche oggi.Bacio

    ReplyDelete
  2. Ciao Annalisa l'aggettivo bellissimo e' sminuire questa casa, molto vissuta e calda, particolare nel senso che e' rimasta quello che era, quindi affascinante, grazie buona giornata rosa

    ReplyDelete