05 October 2016

Paese che vai..

Vivere in Inghilterra è stata ed è tutt'ora una continua scoperta non solo dal punto di vista culturale, posti nuovi, esperienze nuove, ma anche e soprattutto dal punto di vista culinario.
Qui ho assaggiato cose che non avevo mai né visto né assaggiato prima (ok visto magari si..)!

Tipo i Cupcakes e la Black Forest Cake.
L'Avocado 
I Bagels 
I blueberry pancakes
Il Cream Tea (scones, marmellata di fragole e clotted cream)
L'Hummus (che tutto è tranne che british..) 

Eggs Royale (Toast, uova in camicia, salmone affumicato e salsa olandese) 
L'ormai famoso Sunday Roast 
e i chocolate brownies! Anche se a dire il vero a Bologna si mangia la tenerina, ricetta molto simile spesso accompagnata dalla crema al mascarpone!)
Noi italiani siamo spesso portati a pensare che al di fuori della nostra, se pur buonissima, cucina, non ci sia granché di buono comparabile, ed io in primis ho sempre avuto questa impressione.. mi sono dovuta ricredere quasi totalmente.
Quasi tutto quello sopra elencato è adesso, inevitabilmente, entrato nella normalità delle cose che consumo (alcune cose magari solo una volta ogni tanto..) e mi fa strano pensare che per anni ho vissuto senza neppure conoscerne l'esistenza (Hummus e avocado soprattutto!) 
In fondo vivere in un altro paese significa anche aggiustare il proprio palato a gusti nuovi e spesso sorprendenti!

E voi? Siete fedeli alla nostra cucina oppure siete più aperti anche a quello che è comune mangiare anche all'estero?

Annalisa

8 comments:

  1. Io sono sempre curiosa sui cibi dei posti dove vado. Si effettivamente l'idea è quella che come in Italia forse per la varietà di cibi che abbiamo non si mangi in nessun'altro posto. Ma in ogni posto dove vado c'è sempre una specialità migliore della nostra ... ecco dell'inghilterra mi manca di assaggiare questi che spesso vedo nei film... e nei blog descritti.. Il Cream Tea (scones, marmellata di fragole e clotted cream) quella crema da mettere dentro al panino.. ma è tipo burro?... ogni volta che la vedo ho l'acquolina in bocca.

    ReplyDelete
    Replies
    1. La clotted cream credo non sia altro che latte e panna portati a bollore per circa 40 min.. non è burro ma quasi.. è molto buona ma io riesco a mangiarla solo a piccole dosi! :)

      Delete
    2. mi sà che stomaca un bel po' vero?!...ahahah

      Delete
    3. A me si.. ma io non sono un'amante dei dolci.. mio marito invece ne potrebbe mangiare delle vagonate!

      Delete
  2. ciao Annalisa,
    sono nuova sul tuo blog, ma l'ho già inserito fra i miei preferiti!
    Mi piace la buona cucina e sono curiosa di tutto. e credo che - purtroppo- noi italiani abbiamo molti preconcetti sulle cucine degli altri, forse perché abituati molto bene con la nostra.
    sulla cucina inglese si sente dire di tutto e di più, ma francamente ho sempre assaggiato cose nuove e stuzzicanti ogni volta che sono stata da quelle parti. e lo stesso mi capita anche altrove.
    Sempre meglio provare un po' di tutto..
    a presto
    chiara

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ciao Chiara, benvenuta sul mio blog! Io devo dire che ho imparato ad aprirmi davvero alle altre cucine soprattutto da quando mi sono trasferita in Inghilterra. Pensa mia madre, da siciliana qual'è, non ha mai neppure usato il burro essendo per lei un ingrediente utilizzato solo al nord.. puoi immaginare la sua faccia quando l'ho portata al ristorante Thai?.. :))))

      Delete
  3. Che meraviglia! Ho fatto la valigia arrivo a gustare queste delizie ci troviamo a Londra! Io sono super aperta alle altre cucine, a dire il vero non mangio mai cucina italiana se non a casa mia, anche quando sono a Torino se mangio fuori prediligo cibi che a casa abitualmente non cucino! Sono curiosa circa i tuoi progetti lavorativi, bacione Helga

    ReplyDelete
    Replies
    1. Hey Helga, davvero sei in procinto di partire per Londra? Beh mi raccomando divertiti e assaggia tutto! :)

      Delete