31 May 2012

Still on high alert: english version of Tomaso's mother's interview


Attenzione: Questa è la versione in inglese dell'intervista a Marina Maurizio, la mamma di Tomaso. Chiunque abbia la possibilità di divulgare questo testo anche all'estero (giornali, siti, blog, social network)può tranquillamente utilizzarlo.
Aiutateci ad aiutare questi ragazzi.

This is an incredible and real story of injustice.
I came to know it about two years ago, not thanks to newspapers or TV, but only thanks to a friend Elisabetta, Tomaso and I have in common.
In February 2012 three Italians named Elisabetta, Francesco and Tomaso are on a 1-month tour in India.
At the beginning the touring group includes some 15 people. As some of them go back home or change their travel itinerary, the three friends – the couple Elisabetta and Francesco, and Tomaso – decide to continue their journey. Their friendship has started in London where the three have lived and worked for a few years.
In the last days of their tour, they decide to visit one more city, Varanasi, India’s holiest city situated on the banks of the river Ganges.
Little money being left, they decide to share a room altogether to share expenses.
They spend their day by touring the city and, back to the hotel, they have a dinner based on rice, then they go to their room for the night.
The next morning, Elisabetta gets up first. She tries to wake up Francesco who does not respond to her attempts. Alarmed by the situation, Elisabetta and Tomaso immediately call the reception and ask for an ambulance.
A taxi comes instead, that takes the group to the hospital. There, a doctor – who keeps puffing on his cigarette – declares “He’s gone”.
A real nightmare begins for the two Italians who are more and more upset. They ask for their friend’s body to be removed from the corridor. But, as no refrigerated morgue is available, Francesco is placed in a storage unit infested with rats.
In the early morning they see police bursting into their hotel room and asking for their passports; one policeman guards the door as the other shouts “why did you kill him?”
The end of the story is even more devastating: Tomaso and Elisabetta are arrested for allegedly murdering their friend. This accusation is even reinforced by the hotel manager’s claiming that a love triangle was going on based on the evidence that the three shared their room.
The post-mortem examination on Francesco’s body, performed not by a specialized pathologist but by an ophthalmologist, reveals the presence of neck injuries and that strangulation has taken place.
The trial is conducted in Hindi as the presence of an Italian translator is denied.
There are no doubts that serious errors are made during the trial.
A) At the hospital, Francesco’s body was kept for several hours into a storage room where rats may have caused all the injuries.
B) The post-mortem examination was conducted by an ophthalmologist and not a specialised medical doctor.
Elisabetta and Tomaso are sentenced to “Life in Prison”. According to the court the murder was the fallout of a love triangle.

This is briefly what happened. It has been more than two years since that day. Elisabetta and Tomaso are still there, locked up in a prison in terrible hygienic conditions. They sleep on a mat on the floor. The lavatories are always blocked with water and they are emptied only once in a while. They have been eating only rice and lentils for 24 months and silence by our institutions regarding this story sounds terribly absurd.
Personally, I was stricken by what happened to the two Italians; the treatment they get from the Indian government (and from our government) is unacceptable. Therefore I hope that in my small post you will spread the word and make people aware of this difficult situation.

Marina is Tomaso’s mother, who has obviously been living in a hell for the last two years, and this interview is dedicated to her.

Marina, first of all, I ask you to integrate what I have written above and to correct if there is any inaccuracy so everybody knows how things exactly happened.
The story that you described corresponds to the truth to a great extent. It would be too long and complicated to integrate and correct it.
How have these two years in Varanasi prison been, what do Tomaso and Elisabetta tell? Are you able to go and meet them sometimes?
They are dealing with the stress and the bad conditions of the detention quite well. They live in “barak”, big barns, Elisabetta with other 60/70 prisoners, as Tomaso stays with other 140. They live in a space of only about 2m.X 3, with the bed consisting of mats put on top of each other and the backpack with a few personal belongings hanging on the wall. The majority of their mates only speak Hindi. The women are almost all illiterate. They drink water from a well inside the prison and they often have allergy problems and illnesses related to malnutrition, their diet being deprived of proteins and vitamins. For 27 months we have been asking in vain for concession of a phone call every 15 days, which should be a legitimate right according to an international agreement also signed by India. We have the right of two monthly visits in prison and when my husband and I go to meet them, the meetings take place under an open arcade. The meetings do not last more than two hours.
To have extra visits, we have to pay and hope in the sympathy of the prison Director. Since February 7, 2010, the day of the arrest, we have been to Varanasi at least 12 times.

How comes the media are so indifferent to your case whereas, for instance, great attention has been given to the two Italian navy men case?
This is a question to which I have been giving many different answers but sincerely, still today, I don’t understand the silence of the media. It almost looks like an invisible hand blocking the spread of this news. In the last period, especially after the two soldiers case, we have obtained some little space on some major newspapers, weekly publications and passages on the news, especially the local ones, but after that everything is soon forgotten.
I know that trial proceedings for Tomaso and Elisabetta were affected by slowness and delays. And I have just read that the very appeal might be postponed to September. What would your reactions to such a possibility – that would even extend the length of the whole nightmare – be?
Unfortunately we can’t do anything but wait. “Wait”, this is the verb we have most frequently repeated over the last two years. We must have confidence in the abilities of our Indian lawyers, which – by the way – are from the same Law Firm defending the Italian marines. From mid-May to the end of June the Indian Courts are closed for the summer holidays. On the first of July we will present a request to the High Court of Allahabad for the Appeal Process to be scheduled. We hope this will start in September. Last March 26th the Undersecretary Staffan de Mistura received us in Rome and assured us of his full support. He said that our institutions are perfectly aware of our case and convinced of the innocence of Tomaso and Elisabetta, but so far we haven’t seen any change or tangible developments in the situation.

Marina, if you think we can be of any help, in any way, please write it on the post. Thanks for giving me the possibility to interview you.
We ask everyone to make this absurd story as widespread as possible and join the Facebook Groups “Tomaso Libero” and “Elisabetta Boncompagni”. We also ask you to participate in every initiative undertaken by the association “Alziamo la Voce” (Let’s raise our voice) that was also established to give economic support to ours and Elisabetta’s family and help us deal with the exorbitant legal expenses of the last two and a half years and those that are still to come until our children can come back home free.

Thank you, Marina. And thank you all for your help.

29 May 2012

La dimora dei giochi

Questa è la storia di una signora francese che un giorno decide di costruire una casa particolare, dove accogliere tutta la famiglia. Ed è così che si mette a cercare il posto giusto per poter ospitare i suoi sei nipotini durante le vacanze scolastiche, insieme a tutto il resto della famiglia, in comodità e armonia. E lo trova a l'Ile de Rè, sulla costa atlantica francese, in cima ad una collinetta in mezzo al bosco, tra il profumo del mare e quello della vegetazione.
Una volta individuato il terreno adatto, contatta un architetto con una particolare obiettivo: creare una casa, una vera casa di famiglia dove potersi ritrovare e lasciare i bimbi liberi di giocare tranquillamente nel verde della campagna. Ed è così che l'architetto propone un'idea semplice quanto luminosa: inventare una dimora principale in pietra e costruirci intorno delle casette in legno di cedro rosso per i più piccoli. Un'idea modificabile nel tempo in base alle esigenze e ai cambiamenti della famiglia.



E poi si passa all'arredo degli interni: il pavimento è un parquet di legno chiaro, i muri sono bianchi, i mobili sono stati recuperati dalla famiglia e provengono da un vecchio granaio.
Per creare un legame fisico tra le diverse parti della casa è stato impiegato anche un paesaggista (!!!) che ha utilizzato la vegetazione come elemento d'unione. Ha scelto piante che sono rigogliose e profumate per tutta l'estate come la lavanda, il rosmarino, il piroforo, il lauro e l'agapanto. Piante semplici, aromatiche.



In ogni stagione, quattro generazioni si ritrovano in questo luogo che accoglie tutti a qualsiasi età, grazie a questo meraviglioso décor e all'armonia della collina.

P.S. Il mio pensiero va a tutte le mie lettrici che vivono nelle zone colpite dal terremoto. Vi sono particolarmente vicina con il cuore e con la mente perché come molte di voi sanno, anche se le mie origini sono in Sicilia, la mia casa e tutti i miei amici sono proprio in Emilia Romagna!
Spero che nessuna di voi stia vivendo il dramma di aver perso la casa o ancora peggio qualche caro. Vi stringo forte a me e prego affinché questo momento passi in fretta!

27 May 2012

Summer is here!

Incredibile ma vero.. oramai avevo perso le speranze.. non ci credevo più! Credevo sarebbe stato inverno per sempre.. che avrei dovuto prendere tutti i miei vestitini di cotone e spedirli a mia sorella che vive in Sicilia.. che avrei dovuto prendere tutti i miei sandali e conservarli per chissà quale vacanza o occasione e invece.. quando più nessuno se lo sarebbe più aspettato.. E' SPUNTATO IL SOLE!!!
E non solo!.. abbiamo quasi raggiunto i 30°.. robe da perderci la testa solo a pensarci!!
Sappiamo che tutto ciò sarà finito ancora prima che qualcuno ci possa fare l'abitudine.. ma che cavolo.. io sono comunque euforica come solo chi non vede il sole da mesi può esserlo!!

Così oggi non potevo non dedicare il mio post della domenica alla spiaggia di Bournemouth e ai suoi coloratissimi beach hut! Non sono bellissimi???
Quanto mi piacerebbe averne uno!!!.. per poterlo decorare e passarci i pomeriggi a sorseggiare tè e leggere un buon libro cullata dal rumore del mare..!
Per il momento mi accontento di passarci davanti e fotografarli!!








{Photos by me}

E voi?? siete già andate al mare? Vi siete già abbronzate un pochino?.. Io sono ancora bianca come un latticino.. e nonostante i due giorni trascorsi in spiaggia la situazione pare essere totalmente invariata!

24 May 2012

Gita fuori porta: Lymington

Un paio di sabati fa io e Mark siamo andati a visitare un piccolo villaggio che si trova nella New Forest a pochi km da dove viviamo noi.. un villaggio sul mare del quale mi sono innamorata e dove sicuramente tornerò presto!
Questo piccolo villaggio si chiama Lymington e spesso, soprattutto quando il tempo è clemente ha un piccolo mercatino dove poter trovare cibi biologici e piccole cose sfiziose per la casa come per esempio i pomelli in ceramica identici a quelli che ho acquistato l'anno scorso da Anthropologie e che ho pagato tre volte tanto! Ovviamente non me li sono fatti scappare.. perché non si sa mai.. ci sono sempre pomelli da sostituire in una casa!!
Ne abbiamo approfittato anche per cercare un pub accogliente dove mangiare un boccone e questo qui ci è sembrato proprio perfetto!






Mi ha fatto ridere un sacco questo avviso di orari di un bellissimo negozietto che vendeva oggettivistica per la casa.. non capivo come mai a quell'ora fossero chiusi.. così una volta letto il cartello è stato svelato il mistero!.. troppo buffo!


Questo negozio invece l'avrei voluto letteralmente svaligiare!!

Alla fine sono tornata a casa con un vestito nuovo.. quello verde acqua con i pois rossi di cui sono follemente innamorata.. spero di trovare presto un occasione per poterlo indossare!

{Photos by me}

23 May 2012

Tomaso ed Elisabetta: Storia di un'ingiustizia sotto silenzio

Care ragazze oggi troverete un post un po' diverso dal solito.. un post che parla di un incubo che, da due anni a questa parte, stanno vivendo Elisabetta e Tomaso.
Ho copiato e incollato questa intervista dal blog Metabolè nel quale Cinzia, autrice nonché mia amica, ha trascritto l'intervista fatta alla madre di Tomaso.

Vi prego di leggere la storia, vi assicuro che una volta iniziato non vorrete più smettere tanto vi toccherà il cuore e vi indignerà!
E' necessario divulgare il più possibile questa storia in modo da sensibilizzare sempre più persone e ridare una speranza a questi due ragazzi.
Grazie di cuore per la vostra attenzione!

Annalisa.

Finalmente ci siamo. Questa è una storia che ha davvero dell’incredibile. Ne sono venuta a conoscenza circa due anni fa, non perché l’ho letta su qualche giornale, non perché l’ho sentita al telegiornale ma solo perché io, Elisabetta e Tomaso abbiamo un amico in comune.

Nel febbraio 2010, tre ragazzi di nome Elisabetta, Francesco e Tomaso erano in viaggio per l’India da più di un mese. All’inizio il gruppo degli italiani era di circa 15 ragazzi, poi, tra chi torna a casa e chi cambia itinerario la comitiva si separa e rimangono loro tre, Elisabetta e Francesco fidanzati, Tomaso loro amico, amicizia nata a Londra dove si erano conosciuti per lavoro e rimasta intatta negli anni. Giunti appunto agli sgoccioli della vacanza decidono un’ultima tappa, Varanasi, la città più sacra dell’India sulle rive del Gange. Rimasti con pochi soldi, per risparmiare decidono di dividersi una stanza d’albergo in tre. Dopo una giornata di visite tornano in albergo, ordinano del riso per cena e vanno a dormire. La prima ad alzarsi alle otto è Elisabetta, che cerca di svegliare Francesco che non risponde. I ragazzi si allarmano moltissimo e chiamano subito la reception chiedendo un’ambulanza. Arriverà invece un taxi e all’ospedale il medico, fumandosi una sigaretta lo ausculta e dice “He’s gone”.

Da li comincia un incubo. I ragazzi sono sconvolti, chiedono almeno che il corpo sia portato via dal corridoio ma non esistono celle frigorifere, cosi lo rinchiudono in uno sgabuzzino pieno di topi. Durante la notte la polizia irrompe nella loro stanza d’albergo, chiedendo i passaporti per accertamenti, mettono un piantone fuori dalla porta e iniziano a gridare “perché l’avete ucciso?”

Questa storia finisce nel peggiore dei modi, i ragazzi vengono arrestati, accusati di omicidio volontario. Accusa basata unicamente sul racconto del manager dell’hotel che parla di triangolo amoroso avvalorato dal fatto che i tre “dormivano insieme nella stessa stanza”.

L’autopsia, effettuata non da un medico legale ma da un oculista, parla di lividi sul collo e di strangolamento. Il processo si svolge quasi tutto in hindi e ai due italiani viene negato l’interprete.

Purtroppo in questa vicenda, sono stati commessi degli errori colossali da parte dell’autorità giudiziaria indiana.

A) Il corpo di Francesco una volta arrivati in ospedale, è stato tenuto per molte ore all’interno di uno sgabuzzino, dove topi e simili gli hanno provocato delle ferite sul corpo.

B) Chi ha svolto l’autopsia sul corpo, non è stato un medico legale, e nemmeno un medico generale, ma un semplice “ SPECIALISTA IN OCULISTICA”.

Ebbene, il giudice che li ha processati, ha dichiarato i ragazzi colpevoli, chiedendo “CARCERE A VITA” infatti secondo il giudice stesso Francesco è stato ucciso “ per un triangolo amoroso”.
Questo è in breve quello che è accaduto, da quel giorno sono passati più di due anni, Elisabetta e Tomaso sono ancora là, rinchiusi in carcere, con condizioni igieniche spaventose, dormono per terra su di una stuoia, le latrine sono a vista e svuotate una volta ogni tanto, mangiano solo riso e lenticchie da 24 mesi e il silenzio delle nostre istituzioni verso questa storia è terribilmente assordante.

Personalmente sono rimasta parecchio colpita dall’accaduto a questi due ragazzi, è inaccettabile il trattamento che stanno subendo dal governo indiano (e dal nostro governo): per questo spero che nel mio piccolo questo post aiuti a diffondere la conoscenza di questa difficile situazione.
Marina è la mamma di Tomaso, che ovviamente vive un inferno da due anni e a lei è dedicata questa intervista.

Marina prima di tutto le chiedo di integrare (se lo ritiene opportuno) quanto ho scritto io qui sopra e di rettificare se ho scritto qualche inesattezza, in modo che tutti sappiano esattamente come sono andate le cose.

La storia da Lei descritta corrisponde a grandi linee al vero, sarebbe troppo lungo e complesso sia integrarla che correggerla.

Come sono stati questi due anni nel carcere di Varanasi , che cosa raccontano i ragazzi? Ogni quanto riuscite ad andare a trovarli?

I ragazzi stanno reggendo bene allo stress ed alle cattive condizioni di detenzione. Vivono in “barak”, grossi capannoni, Elisabetta insieme a 60/70 detenute e Tomaso insieme a 140 detenuti, hanno a disposizione un piccolo spazio di circa 2m x 3, dove il letto è composto da stuoie sovrapposte, lo zaino con i pochi effetti personali appeso alla parete. La maggioranza dei loro compagni parla solo l’hindi, le donne sono quasi tutte analfabete. Il cibo fornito è vegetariano, non gli è mai stato concessa l’assunzione di pollo, pesce o altri alimenti anche se in India vengono regolarmente consumati. Bevono l’acqua attinta da un pozzo all’interno del carcere e hanno spesso problemi di allergie e disturbi legati alla cattiva alimentazione priva di proteine e vitamine. Da ventisette mesi chiediamo inutilmente la concessione di una telefonata ogni quindici giorni, diritto sancito da una convenzione internazionale firmata anche dall’India. Abbiamo diritto a due visite mensili in carcere e quando io e mio marito andiamo a trovarli i colloqui avvengono sotto un porticato all’aperto, la durata dei colloqui non dura più di 2 ore. Per avere visite extra, dobbiamo pagare e sperare nella benevolenza del Direttore del carcere. Dal 7 Febbraio 2010, data dell’arresto a oggi siamo andati ben dodici volte a Varanasi.
Come mai secondo lei i media si occupano così poco del vostro caso, mentre per esempio per i marò l’attenzione è sempre alta.

E’ una domanda alla quale mi sono data tante risposte, ma sinceramente, ancora oggi non capisco questo “silenzio mediatico”, sembra quasi che una mano invisibile blocchi la divulgazione di questa notizia. Ultimamente, dopo la vicenda dei due marò, abbiamo avuto un po’ più di spazio sui maggiori quotidiani, su qualche settimanale e qualche passaggio sui telegiornali, soprattutto quelli locali, ma tutto finisce nel dimenticatoio molto in fretta.

So che l’iter legale dei ragazzi è sempre stato preda di lungaggini e ritardi, ora ho letto che c’è il rischio che anche l’appello slitti a settembre, come pensate di reagire a questo ennesimo motivo che non fa altro che prolungare l’incubo per voi e per i ragazzi.

Purtroppo non possiamo fare altro che aspettare, questo è il verbo più ricorrente in questa assurda vicenda. Dobbiamo avere fiducia nell’operato dei nostri legali indiani, che peraltro sono dello stesso Studio Legale che difende i due marò. Da metà maggio e per tutto giugno i Tribunali indiani sono chiusi per la vacanze estive. Alla ripresa dei lavori, i primi di luglio, verranno presentate istanze di sollecito per la messa a calendario del Processo di Appello presso la High Court di Allahabad che speriamo abbia inizio nel mese di settembre. Il 26 Marzo scorso siamo stati ricevuti a Roma dal Sottosegretario Staffan De Mistura il quale ci ha assicurato il suo pieno appoggio e l’interessamento delle nostre Istituzioni che sono perfettamente a conoscenza del caso e dell’innocenza dei ragazzi, ma ad oggi non abbiamo notato né un cambiamento né un miglioramento tangibile.

Marina se pensa che possiamo essere utili in qualche modo, la prego di scriverlo su questo post, grazie di avermi dato la possibilità di intervistarla.

L’aiuto che chiediamo a tutti è la divulgazione di questa storia assurda, l’adesione al Gruppo su Facebook “Tomaso Libero” e a quello di “Elisabetta Boncompagni”, la partecipazione ad ogni iniziativa verrà intrapresa dall’associazione “Alziamo la voce” che è nata per aiutare anche economicamente la nostra famiglia e quella di Elisabetta a far fronte alle ingenti spese legali che abbiamo già affrontato in questi due anni e mezzo e a quelle che dovremo ancora affrontare in futuro per riuscire a far tornare a casa LIBERI i ragazzi.

So che i miei followers aderiranno, ne sono certa, qui sotto trovate tutti i link, aiutiamo questi ragazzi e questa famiglia, sono storie incredibili ma che possono capitare. Grazie Marina, grazie a voi per l'aiuto che le darete.

14 May 2012

Design Museum: Christian Louboutin Exhibition

Sono di nuovo in viaggio!E per essere precisa in questo momento sono sul treno diretta a Birmingham, vado finalmente a trovare la mia amica Alice che qualche tempo fa ha lasciato Londra per trasferirsi proprio li!
Il viaggio durerà 3 ore e spero non sia troppo lungo e noioso!
Così ho pensato di approfittarne per terminare di scrivere la seconda parte del mio breve soggiorno a Londra della scorsa settimana!

La mattina, dopo una notte un po' agitata a causa del sushi snack mangiato la sera prima, per fortuna ho trovato ad accogliermi un bellissimo sole che filtrava attraverso la finestra della nostra camera d'albergo a due passi da Trafalgar Square!Mi sono preparata e in men che non si dica ero già su un bus diretta a London Bridge dove avevo appuntamento con la mia amica Janinne.
Siamo andati a fare due passi succulenti al Borough Market, di cui vi ho già parlato qui. Mi piace sempre un sacco gironzolare per questa parte di Londra così vissuta e piena di carattere e fermarmi nel parco della chiesetta antistante a mangiare qualche delizia comprata in una delle bancarelle.. e manco a dirlo, ci siamo abbuffate con impanadas argentine e tortelloni con ripieno di cinghiale e grana assolutamente Made in Italy!







Ma la nostra meta era il Design Museum dove siamo andati a vedere la mostra dedicata ai 20 anni di carriera di Christian Louboutin, così con la pancia piena ci siamo incamminate lungo il fiume. Ovviamente lo spettacolo è stato anche arrivare al museo stesso, che si trova subito dopo il Tower Bridge. Era la prima volta che passeggiavo per questa parte della città e avevo il cuore pieno di gioia per essere in un posto così unico e speciale..!




Purtroppo all'interno della mostra non era possibile scattare foto ed è stato un vero peccato perché le creazioni esposte erano di una bellezza incredibile!
Ad ogni modo, se siete curiose, online potrete trovate parecchie foto relative a questa mostra. Tutti i maggiori giornali di moda ne hanno parlato lungamente!Vogue per esempio ne ha parlato qui.
Queste immagini che vedete di seguito le ho scattate all'interno del museo ma appena fuori l'ingresso della mostra.


Ovviamente dopo la mostra, anche se stanche morte, ci siamo catapultate in metro e raggiunto Oxford Street per un salto da Top Shop (meta obbligatoria si sa! ;) prima di salutarci e tornare ognuno verso casa.
Io avevo un treno alle 7 che mi aspettava!



{Photos by me}